La proposta è quasi realtà: Telecamere negli asili

La proposta è quasi realtà: Telecamere negli asili e nelle strutture socio-sanitarie ed assistenziali

Proposta di legge: Telecamere negli asili

Sono stati stanziati € 10.000.000,00 per il 2019 e 30 milioni all’anno fino al 2024 per l’installazione di sistemi di videosorveglianza presso ogni aula nelle scuole per l’infanzia e nei centri socio-sanitarie e socio-assistenziali per anziani e disabili.

La legge che vorrebbe introdurre telecamere negli asili e nelle case di riposo è stata approvata dalla Camera, mentre è ancora in discussione in Senato. L’investimento in sicurezza ha la sua dote, ma la copertura non è ancora stata inserita nel disegno di legge “decreto sblocca cantieri”.

L’emendamento prevede «l’installazione di sistemi di videosorveglianza a circuito chiuso presso ogni aula di ciascuna scuola nonché per l’acquisto delle apparecchiature finalizzate alla conservazione delle immagini per un periodo temporale adeguato» nei «servizi educativi per l’infanzia e nelle scuole dell’infanzia statali e paritarie» e presso «strutture socio-sanitarie e socio-assistenziali per anziani e persone con disabilità, a carattere residenziale, semi-residenziale o diurno».

Per questo tipo di ambienti sensibili esistono già soluzioni innovative che rispettano tutte le norme sulla privacy.

Uno di questi è il prodotto di Ganz. La “simpatica” telecamera misura a distanza la temperatura corporea, con monitoraggio intelligente e continuo, nel rispetto della salute e della privacy.

La doppia telecamera è ottima per identificare persone ed acquisire rapidamente e con precisione la temperatura corporea.  Infatti, la telecamera termica rileva eventuali focolai di epidemia mentre la videocamera i volti; il tutto nel rispetto di privacy e salute. Opera ad una distanza inferiore a 10 metri, ideale negli ambienti chiusi.